Psoriasi e depressione

Psoriasi e depressione

La psoriasi è una patologia che incide sulla qualità di vita del paziente in modo molto significativo, compromettendone il benessere e le relazioni sociali.

Si tratta infatti di una malattia che può condizionare i comportamenti e le abitudini quotidiane per timore di giudizi negativi e reazioni di allontanamento, di repulsione e di derisione, soprattutto quando le lesioni cutanee sono particolarmente evidenti e localizzate in aree molto visibili. Il rischio di depressione nel malato psoriasico è dunque piuttosto alto, con una prevalenza che possono raggiungere fino al 60% circa.

Questo sono i sintomi più significativi della depressione:

  • Persistente tristezza e ansia
  • Perdita di energia e senso di fatica
  • Disturbi del sonno (insonnia o ipersonnia)
  • Perdita o aumento di peso
  • Difficoltà di concentrazione
  • Sentimenti di autosvalutazione
  • Istinti suicidi

Sono di norma sintomi che, se presenti in modo persistente e continuativo, possono influenzare negativamente a loro volta le possibilità di recupero innestando un pericoloso circolo vizioso. In questi casi è quanto mai necessario rivolgersi ad uno specialista di fiducia che, insieme al dermatologo, aiuti e supporti il percorso terapeutico.